Homebasketcercachatfotoguestbooklinkmontagnaval d'avetoweb

L'arrivo in Tanzania

 

Date 19 e 20/8/2014

Si parte !!! Da Genova a Milano Malpensa in auto a metà pomeriggio del 19 agosto; con Stelvio iniziamo l'avventura ed arrivati in aereoporto con buon anticipo abbiamo il tempo per mangiare prima di metterci in attesa dell'imbarco e prendere il volo che in poco meno di sette ore ci porterà ad Addis Abeba; in Etiopia arriviamo al mattino e ci mettiamo in attesa del successivo volo. Nell'attesa si iniziano a vedere altre persone che faranno il nostro stesso itinerario e con identiche speranze: zaini ed abbigliamento fanno capire dove andranno. Altre due ore e mezza di volo per arrivare in Tanzania, all'aereoporto di Kilimanjaro: il nome aiuta nel sentire l'atmosfera del trekking; all'arrivo occorre compilare due moduli con diversi dati, compresi quelli su possibili malattie e viene controllato il libretto delle vaccinazioni, in particolare se è stata fatta quella per la febbre gialla. Nelle settimane precedenti al nostro arrivo aveva iniziato a diffondersi in alcuni stati dell'Africa il virus dell'ebola e si capisce il motivo di ulteriore attenzione anche per le vaccinazioni. L'aereoporto non è molto grande ma pulito ed ordinato; dopo il ritiro dei bagagli restiamo in attesa della persona che verrà a prenderci per portarci al lodge della Kili Expedition. Aspettiamo poco più di quanto pensassimo, ma avremo il tempo per fare tutto e con grande soddisfazione.

Il tragitto in auto (la guida è all'inglese, a destra) dura circa due ore ed abbiamo la possibilità di iniziare a vedere un pò del vasto paesaggio; la strada è un lunghissimo rettilineo accanto alla quale si trovano case, posti dove si vendono bevande, botteghe di vario genere, campi di mais. Si vedono tanti studenti con la divisa della scuola, che tornano a piedi a casa dopo la giornata di studio.

Ed ecco l'incontro con Faustin Meela, il direttore dell'agenzia, che ci accoglie con grande simpatia e cortesia e con lui facciamo una breve sosta ad un bar iniziando a fare conoscenza prima di ripartire verso il lodge. Vediamo altre coltivazioni di mais e banane, prima di lasciare la strada asfaltata e immetterci in uno sterrato dove l'auto ha diversi sobbalzi ma il percorso è breve ed arriviamo al lodge dove sistemiamo lo zaino ed il borsone. E' una bella struttura con molto verde e spazio per potere stare in relax e tranquillità, e dopo tante ore di viaggio è quello che ci vuole.

Sistemiamo lo zaino e borsone con quanto servirà nei giorni successivi, lasciando alcune cose dell'abbigliamento in camera perché non serviranno durante il trekking; subito dopo si va a fare una brevissima passeggiata poco sopra alla struttura potendo vedere il monte che nei prossimi giorni sarà spesso davanti agli occhi.

Sentiamo per la prima volta la parola "pole" (lento, adagio) che ci accompagnerà per tutti i prossimi giorni; impariamo anche karibu, che significa benvenuto o grazie a seconda della circostanza. Aspettavamo l'arrivo del gruppo di Brescia ma li incontreremo il mattino successivo e dopo la cena andiamo subito a dormire: sono state ventiquattro ore piene con il viaggio, ed il riposo è necessario per iniziare bene il trekking.

Giorno successivo

Inizio

Kilimanjaro
Arrivo ad Addis Abeba
Kilimanjaro
Kilimanjaro
Aereoporto di Kilimanjaro
Kilimanjaro

Kilimanjaro
Il lodge
Kilimanjaro
Kilimanjaro
Kilimanjaro
Kilimanjaro
Kilimanjaro
 Kilimanjaro
Kilimanjaro