Homebasketcercachatfotoguestbooklinkmontagnaval d'avetoweb

Balcone di Marta (2123 m.)

 

Posizione geografica Valle Argentina e Val Roya

Dislivello 700 m. circa
Difficoltà E Tempo complessivo 6h (1h45' visita fortificazione)
P6171933.JPG
Rif.Allavena
P6171934.JPG
Sentiero Alpini
P6171935.JPG
Rif.Grai
P6171947.JPG P6171949.JPG P6171953.JPG
Cima di Marta
P6171956.JPG P6171957.JPG
P6171959.JPG
Un primo bunker
P6171960.JPG P6171963.JPG
P6171962.JPG  

P6171964.JPG
Interno del Barcone

P6171967.JPG P6171969.JPG P6171970.JPG P6171971.JPG
P6171973.JPG P6171974.JPG P6171975.JPG P6171976.JPG P6171978.JPG
P6171980.JPG P6171981.JPG P6171982.JPG
L'Osservatorio
P6171984.JPG P6171990.JPG
Toraggio e Pietravecchia

Data 17/6/2006 (con il gruppo SMF del Cai Ligure), 22/4/2007, 14/6/2009, 9/6/2012, 1/6/2014

Percorso stradale da Genova, in autostrada fino ad Arma di Taggia (130 km), dove si prosegue lungo la SP 548 per circa altri 20 km fino a Molini di Triora. Prima di entrare in paese si svolta sulla sinistra seguendo le indicazioni per Colla Melosa e Rifugio Allavena (16 km); questo tratto di strada presenta molte curve ed in alcuni tratti è stretto.

Itinerario dal rif.Allavena (1545 m.) si segue l'indicazione per rifugio Monte Grai (1980 m.) che si raggiunge in circa 40', lungo un sentiero che sale dolcemente; arrivati alla carrareccia, poco sotto il Grai, si prosegue per poco più di 1 ora e mezza fino a raggiungere il complesso della fortificazione del Balcone di Marta, passando sotto Cima Marta (2138 m.).
La fortificazione è formata da una batteria di artiglieria (Batteria del Barcone o 605a Batteria) e da due centri di resistenza di fanteria (centro 35 bis e centro 35), che si trovano nel costone roccioso tra il Balcone ed il Castello di Marta. Il complesso si sviluppa per una lunghezza di circa 550 m e su un dislivello complessivo di 135 m; all'interno sono presenti due corridoi formati da 118 e 207 scalini, più un terzo di circa 90 scalini. Per visitare tutta la fortificazione si può impiegare circa un'ora e mezza,

Il ritorno avviene seguendo il percorso dell'andata impiegando circa 2h. Una variante del percorso, sia all'andata e sia al ritorno, può essere rappresentata dalla salita al monte Grai (m.2012) che si trova alle spalle dell'omonimo rifugio: arrivati al rifugio si segue l'indicazione "linea gialla" fino alla vetta (20' circa), dalla quale si prosegue in direzione opposta scendendo a Col Bertrand da dove si riprende la sterrata.