Homebasketcercachatfotoguestbooklinkmontagnaval d'avetoweb

Monte Pianard (m. 2305) e Rocca d'Orel (m. 2440)

 

Data 19/10/2008

Percorso stradale da Genova si segue l'autostrada SV-TO fino all'uscita di Mondovì dopo la quale si prosegue verso Cuneo; prima di arrivare si iniziano a seguire le indicazioni per Limone Piemonte e Colle di Tenda. Si arriva a Vernante dove, all'altezza di un semaforo, si lascia la strada principale svoltando a destra lungo le indicazioni per Palafrè ed il Parco delle Marittime. Dopo alcuni chilometri di strada con qualche curva si lascia l'auto nel posteggio segnalato poco prima dell'ingresso nel paese.

Itinerario dal posteggio (1379 m.) si sale verso la Chiesa, passando vicino al posto tappa GTA, e si inizia a seguire il cartello con l'indicazione per Colle Garbella lungo la carrareccia facendo attenzione a due bivii fino a lasciare la carrareccia per risalire lungo il vallone della Garbella seguendo sempre il segnale della GTA. La salita è graduale e si arriva si 2170 m. di Colle Garbella (3h circa) seguendo l'ultima parte su un bel crinale. Dal colle si continua lungo il crinale fino al vicino monte Pianard (2305 m., 30' circa) sulla cui cima non è presente alcun cartello ma si riconosce perchè poco prima del colletto dove è presente la stazione di soccorso del Soccorso Alpino. Dal Pianard si può scendere al colletto e risalire, con attenzione, il canale che in circa 30' porta a Rocca d'Orel (2440 m.); dalla cima si può continuare fino al prospicente Bussaia (2451 m.) lungo una cresta che unisce le due cime.

Il ritorno avviene lungo il percorso effettuato all'andata; è un bel percorso e permette di vedere un bel panorama specie dai crinali prima di arrivare a Colle Garbella e fino a Rocca d'Orel.

Zona geografica Val Vermenagna Dislivello 1070 m.
Difficoltà EE Tempo totale 6h

La Chiesa a Palanfrè

Il posto tappa

Risalendo il vallone

Sul crinale verso Colle Garbella

Colle Garbella

Crinale visto dal Pianard

Stazione di soccorso

Salendo a Rocca d'Orel

Rocca d'Orel

Sullo sfondo il Bussaia