Homebasketcercachatfotoguestbooklinkmontagnaval d'avetoweb

Alpe di Succiso (2017 m.)

Data 3/5/2009

L'Alpe di Succiso può essere raggiunto partendo da diverse località; quella descritta ha come partenza il passo del Cerreto

Percorso stradale dall'uscita dell'autostrada ad Aulla si seguono le indicazioni per Fivizzano e lungo la statale 63 si arriva al passo del Cerreto (1261 m.) dove si posteggia

Itinerario dal posteggio si nota il cartello del segnavia del sentiero 00 (doppio zero) e si inizia a seguirlo; la prima parte è pianeggiante ed in circa 40 minuti si arriva al passo dell'Ospedalaccio (1211 m.) . In questo punto il sentiero si divide; sulla destra si segue il pianeggiante sentiero 671 che porta alla piana dove si trova la sorgente del Secchia (1565 m., 45' circa).
Se invece si segue l'indicazione verso sinistra, il sentiero è più ripido e permette di raggiungere il monte Alto in circa 60'; seguendo questo itinerario il sentiero inizia a diventare gradualmente più ripido; dopo circa 20 minuti si nota sulla destra il sentiero che taglia a mezza costa il pendio. Si prosegue entrando nel bosco e dopo circa 30 minuti si arrivare al pianoro dove si trovano le sorgenti del Secchia.
Dal pianoro si segue il sentiero 671 che con tornanti permette di raggiungere un colletto dove, aggirando un costone, si arriva al punto più esposto dove sono presenti dei cavi che agevolano il passaggio; quindi si risale il crinale fino ad arrivare alla vetta dell'Alpe di Succiso, dove si ha un notevole panorama a 360 gradi. Il ritorno può avvenire lungo lo stesso percorso dell'andata oppure si prosegue, superando un vistoso ometto, sul crinale fino ad incontrare il sentiero 675 che, con tornanti, permette di rientrare al pianoro dove si trovano le sorgenti del Secchia e da qui si ripete il percorso effettuato all'andata.

 
Zona geografica Apuane Dislivello 800 m.
Difficoltà EE / EEA (se con sentiero attrezzato) Tempo totale 6 ore circa

Sull'Alpe di Succiso

Verso il monte Alto

(fonte notizie, relazione gita sociale Piero A. del CAI Ligure)