Homebasketcercachatfotoguestbooklinkmontagnaval d'avetoweb

Monte Cauriol

 
Zona geografica Val di Fiemme Dislivello 900 m. circa
Difficoltà E / EE Tempo complessivo 5h
P8200002.JPG
Rifugio Cauriol
P8200004.JPG
Malga Sadole
P8200005.JPG P8200007.JPG
Cardinal e Cauriol
P8200010.JPG
Via italiana,all'andata
P8200012.JPG
Passo Sadole
P8200013.JPG
Costruzioni militari
P8200014.JPG
Resti di fortificazioni...
P8200015.JPG
...della 1a guerra
P8200016.JPG
Passo Sadole
P8200018.JPG P8200019.JPG
Verso Seletta Canteri
P8200021.JPG
Cauriol
P8200022.JPG
Piccolo Cauriol
P8200023.JPG
P8200024.JPG
Seletta Canteri
P8200025.JPG P8200026.JPG
Castel delle Aie
P8200030.JPG
Cima del monte Cauriol
P8200031.JPG
Targa ricordo battaglia
P8200032.JPG
Targa del coro Cauriol
P8200035.JPG
Ritorno lungo...
P8200036.JPG
...la via austriaca
P8200038.JPG P8200037.JPG
P8200039.JPG
Via austriaca
P8200040.JPG
Camminamento militare
P8200008.JPG P8200009.JPG P8200041.JPG
Rifugio Cauriol

P8200029.JPG

Data 20/8/2006

Percorso da Predazzo o Cavalese, si raggiunge Ziano di Fiemme per proseguire verso località Bosin e successivamente per una stretta strada all'interno di un bosco dove si procede fino al posteggio di fronte al rifugio Cauriol; gli ultimi 7 km prima del posteggio sono su un buono sterrato.

Itinerario dal rif.Cauriol (1600 m.) inizia il sentiero 320 che conduce ad un ponte ed un largo prato dove è presente una piccola costruzione in pietra e legno che può fungere da riparo. Superato il prato ed alcuni alberi, il sentiero sale leggermente fino a Baita Sadole (1771 m., 40' dalla partenza) sempre all'interno di un ampio vallone attraversato da un ruscello.
Si arriva all'incrocio tra la "via italiana" e la "via austriaca" che costituisce il punto di congiunzione di questa escursione; è possibile effettuare il percorso in entrambe le direzioni anche se risulta meno faticosa in salita la parte lungo la "via italiana". Si segue, quindi, l'indicazione per la "via italiana" raggiungendo in circa 40' Passo Sadole (2066 m.).
Al passo sono ancora presenti i resti di alcune fortificazioni militari risalenti alla 1a guerra mondiale; in questa zona furono combattute aspre battaglie tra l'esercito italiano e quello austriaco, come è ricordato dalla targa presente in cima al monte Cauriol; altri resti di costruzioni militari sono presenti sul vicino, rispetto al Cauriol, monte Cardinal.
Da passo Sadole la strada inizia a salire in modo più deciso, prima con un sentiero in costa e dopo attraversando un piano erboso fino a raggiungere, dopo 1h circa di cammino, Seletta Canteri (2343 m.); questa parte di sentiero passa vicino ad alcuni massi che rendono più selvaggio questo tratto.
Arrivati a Seletta Canteri ci si trova a metà strada tra il Piccolo Cauriol che si può raggiungere in non molti minuti, ed il Cauriol; il tratto finale verso il Cauriol è tutto in mezzo a roccette dove occorre prestare molta attenzione specie se fossero bagnate. Dalla Seletta alla cima si impiegano circa 45' ed ammirando uno straordinario panorama; sulla cima sono presenti alcune targhe che ricordano le battaglie del 1916 ed una del coro genovese del monte Cauriol; la sosta permette di arrivare con lo sguardo, quando non c'è nebbia, sui monti e valloni sottostanti.
Il ritorno avviene arrivando a Seletta Canteri e proseguendo per la "via austriaca" sotto il Piccolo Cauriol; il percorso è in mezzo a pietre e rocce per cui occorre prestare molta attenzione. Le segnalazioni frequenti e ben disposte aiutano a scendere in maniera graduale; durante la discesa si consiglia di guardare indietro per ammirare questo lungo canalone di pietre. Arrivati al termine del canalone si procede lungo quello che resta degli antichi camminamenti militari, che sono ancora ben conservati ma coperti da frane in alcuni tratti.
Ci si ricongiunge con il sentiero 320 e si ripete il percorso fino a tornare al rifugio Cauriol, dove è consigliata una sosta anche per ammirare un buon numero di reperti militari, fotografie e scritti che qui vengono conservati.