Homebasketcercachatfotoguestbooklinkmontagnaval d'avetoweb

Pordoi e Piz Boè

 
Zona geografica Val di Fassa Dislivello 1300 m. complessivo
Difficoltà EE Tempo complessivo da 5h30' a 6h30'
P8210042.JPG
Passo Pordoi
P8210043.JPG P8210046.JPG P8210047.JPG
In onore di Fausto Coppi
P8210049.JPG
A passo Pordoi
P8210050.JPG P8210051.JPG
In funivia...
P8210052.JPG
...verso Sass Pordoi
P8210053.JPG P8210054.JPG
P8210055.JPG
La Marmolada
P8210056.JPG P8210057.JPG
Piz Boè da Sass Pordoi
P8210058.JPG P8210060.JPG
P8210061.JPG
La Marmolada
P8210062.JPG
Discesa a Forcella Pordoi
P8210063.JPG P8210064.JPG
Rifugio Forcella Pordoi
P8210065.JPG
P8210067.JPG
Piz Boè in vista
P8210068.JPG P8210069.JPG P8210070.JPG P8210072.JPG
Piz Boè
P8210085.JPG
Gruppo del Sella
P8210085.JPG P8210085.JPG
Salita al Piz Boè
P8210073.JPG
Rifugio Capanna Fassa
P8210074.JPG
P8210075.JPG
Incontri a Piz Boè
P8210085.JPG
Verso Cresta Strenta
P8210085.JPG P8210085.JPG
Forces dai Camorcies
P8210085.JPG
Piz Boè dalla cresta
P8210085.JPG
Sass Pordoi
P8210085.JPG
Rifugio Boè
P8210085.JPG
Gruppo del Sella
P8210085.JPG P8210085.JPG
La cresta
P8210085.JPG
Lago Gelato
P8210085.JPG
Passo Lago Gelato
P8210085.JPG P8210085.JPG
Rif.Kostner dall'alto
P8210085.JPG
Sentiero verso Kostner
P8210085.JPG
La discesa dalla cresta
P8210085.JPG
Rifugio Kostner
P8210076.JPG P8210078.JPG
Il ripido canalone
P8210080.JPG P8210081.JPG P8210082.JPG P8210083.JPG
Rifugio Franz Kostner
P8210084.JPG
P8210085.JPG P8210086.JPG P8210087.JPG
La Marmolada
P8210089.JPG P8210095.JPG
P8210090.JPG
Ferrata C.Piazzetta
P8210091.JPG P8210092.JPG P8210093.JPG P8210096.JPG
P8210085.JPG
Sentiero 626
P8210085.JPG P8210085.JPG P8210085.JPG
Ossario del Pordoi
P8210085.JPG

Data 22/8/2006, 26/7/2007 25/7/2009 (dal rif. Boé)

Percorso si raggiunge Canazei dove si percorre in auto la salita, ben conosciuta ai ciclisti, che porta al Passo Pordoi; dopo 27 tornanti, segnalati da cartelli, si posteggia davanti alla partenza della funivia.

Itinerario dal passo Pordoi (2.239 m.) si sale fino a Sass Pordoi (2.952 m.) seguendo il sentiero che passa sotto la funivia oppure con si sale con la funivia, accorciando di poco meno di due ore il percorso dell'escursione. Da Sass Pordoi si ha la vista verso Nord Ovest sul Sassolungo e sul gruppo del Sella oltre che sulle valli sottostanti; è consigliato dedicare il tempo necessario per potere ammirare tutto il paesaggio.

Dal Sass Pordoi, si segue il sentiero num. 627 che in 10-15 minuti porta al rifugio Forcella Pordoi (2.848 m.) dove si incrocia l'Altavia num. 2 delle Dolomiti; dal rifugio si vede la valle sottostante nel varco che si apre tra due roccioni. Quindi si prosegue senza grosse difficoltà fino ad incontrare il sentiero num. 638 che, dopo una prima parte abbastanza pianeggiante, porta all'inizio dell'ultimo tratto verso il Piz Boè (45' circa da Forcella Pordoi).

Si inizia a salire superando roccette e gradini fino ad arrivare alla cima del Piz Boè (3.152 m); per compiere questo tratto, dove sono presenti alcuni cavi, si impiegano circa 45-50'.

Dalla cima del Piz Boè, dopo una sosta al rifugio Capanna Fassa e preso il tempo necessario per ammirare il panorama a 360 gradi sul gruppo del Sella e la Marmolada, l'escursione può proseguire in diverse direzioni. La prima e più breve è ritornare a Sass Pordoi seguendo il percorso dell'andata; oppure scendere al sottostante rifugio Boè (2.871 m.) e da qui tornare a Sass Pordoi seguendo il sentiero 627.

Altre due possibili escursioni portano al rifugio Franz Kostner (2.536 m.).

Il percorso più panoramico ed interessante è quello lungo Cresta Strenta e passo del Lago Gelato, fino alla ripida discesa dove sono presenti alcuni tratti attrezzati con cavi al rifugio. In circa 15' minuti si arriva a Forcella dai Ciamorces (3.110 m.) e si prosegue lungo il sentiero 672 fino a passo del Lago Gelato (2.781 m.); lungo questo tratto si ha sempre vicino la vista su tutto il gruppo del Sella. Da qui in avanti si inizia il sentiero inizia a scendere fino ad incontrare un tratto più ripido ed attrezzato con cavi che permette, in poco tempo, di avvicinarsi al rifugio Kostner. Superato questo punto si arriva, dopo un breve tratto su sentiero pietroso, al rifugio; in tutto, dalla cima del Piz Boè si impiegano circa 2h15'-2h30'.

Un altro percorso segue, sempre dal Piz Boè, il sentiero 638 con la deviazione verso destra che permette di camminare nella conca sotto Cima del Vallon; dopo circa 1h, si arriva all'inizio di un ripido e pietroso canalone che si affronta in discesa, dove occorre prestare molta attenzione; alla fine del canalone si può subito percorrere il sentiero che riporta alla funivia oppure scegliere di continuare verso rifugio Kostner. Questa deviazione non impiega molto tempo ed anzi permette di avere una vista su un'altra parte di questa valle.

Dal rifugio Kostner si ritorna brevemente sul sentiero 638 per poi proseguire seguendo l'indicazione dei sentieri 626 e 627 in direzione di passo Pordoi; occorre fare attenzione perchè su molte cartine è indicato solo il sentiero 626 mentre i cartelli sul sentiero indicano 627 e l'inizio della ferrata Piazzetta. In ogni caso si segue l'indicazione verso passo Pordoi.

Il sentiero si sviluppa sotto la cengia sud del gruppo del Sella e non presenta difficoltà, alternando brevi tratti di salita e discesa ma non impegnativi. Dopo circa 50'-60' si arriva ai piedi del canalone pietroso e si prosegue sempre seguendo le indicazioni del sentiero 626 e 627 fino ad arrivare all'attacco della ferrata Piazzetta che permette il ritorno al Piz Boè. Passato l'attacco della ferrata, si arriva dopo non molti minuti, al bivio (1h45' circa dal rifugio Kostner) che conduce in discesa all'Ossario del Pordoi (2.229 m.) raggiungibile in circa 30'-40' e successivamente in circa 20'-30' minuti al posteggio di passo Pordoi. Se, invece, si sceglie di continaure il sentiero sotto la cengia, si torna al passo Pordoi proseguendo su sentiero con alternanza di brevi salite e discese prima dell'ultimo tratto in discesa che riporta al posteggio.